Ora è troppo, il razzismo obsoleto di Matteo Salvini ha superato ogni limite. È giunto il momento di dire basta alla sua propaganda dell’odio, legata e luoghi comuni e che fa leva sulle paure della gente. Il cazzaro non è il principe azzurro che salverà l’Italia dalle tenebre, ma colui che le sta alimentando. Grazie alla sua bestia social e alla sua immancabile presenza negli studi televisivi, il leader della Lega accende e spegne le paure dei suoi elettori in base a cosa gli fa più comodo. Questo meccanismo è la base della sua campagna elettorale poiché i contenuti sono di livello talmente basso da fare impallidire i Gilet Arancioni.

Oltre alle liste di nomi, lavori e città, Salvini non riesce a dare un senso a ciò che propone alla gente. Si lamenta dei plexiglass quando sulle direttive scolastiche non sono stati citati (creando una Fake News nella testa dei propri elettori), parla della gestione della pandemia quando lui stesso si sta rendendo protagonista di assembramenti potenzialmente letali.

Il superamento razziale di ogni limite

Però, ieri sera, il leader della Lega ha oltrepassato ogni limite possibile e inimmaginabile. In un post sul proprio profilo Instagram, Matteo Salvini parla della pandemia di Covid-19 che sta colpendo la Libia e dei migranti in fuga per cercare di sfuggire a morte certa (dato che il sistema sanitario libico è fatiscente); parlando di porti chiusi e di un governo di incapaci.Chiudere la porta in faccia a uomini, donne e bambini che cercano un posto sicuro in cui SOPRAVVIVERE è da IMBECILLI! Questo non si può catalogare sotto la voce “slogan elettorale”, questa e il testamento di razzista criminale.

Ovviamente, i controlli sui migranti devono essere celeri ed efficienti, permettendo di tracciare i loro spostamenti e di catalogare chi di loro è positivo e chi invece è sano, in modo da predisporre le cure necessarie e/o la quarantena.

Un paese civile non può permettere che il capo dell’opposizione dica e scriva cose così raccapriccianti.

Questa non è libertà di parola, questo è razzismo (fascismo) allo stato puro.

 

Di Matteo Spaggiari

Sono un giornalista e blogger. Il mio impegno è quello di dare a tutti un informazione "fresca" e senza censure.