Nella giornata di mercoledì abbiamo appreso che l’attuale allenatore del Milan, Stefano Pioli, rimarrà sulla panchina rossonera per altri due anni. Il tecnico emiliano, infatti, ha esteso il suo contratto fino al 2022 in virtù degli ottimi risultati ottenuti dalla sua squadra in questo periodo alquanto particolare. Fino a poche settimane fa, tale annuncio sembrava assolutamente improbabile perché non è un segreto che la società del diavolo avesse ormai limato tutti i dettagli del contratto che avrebbe portato il ‘professorone’ tedesco Rangnick nel capoluogo lombardo. Ci sentiamo di affermare che Pioli ha decisamente meritato questo fatidico rinnovo, in quanto nel corso di questi mesi ha dimostrato di essere un esemplare professionista e gran lavoratore, riuscendo a far sì che il Milan tornasse ad ottenere risultati di rilievo. Se prendessimo in considerazione solo le ultime nove giornate di campionato i rossoneri si troverebbero in testa alla classifica per numero di punti conquistati.

Ciò va a testimonianza del fatto che il signor Ivan Gazidis(amministratore delegato della squadra) ha fatto senza ombra di dubbio la scelta più giusta e logica, andando a riconfermare un coach serio che, come abbiamo avuto modo di vedere in queste giornate di Serie A, può garantire risultati importanti. Mettere sotto contratto Rangnick sarebbe stato troppo rischioso poiché l’obiettivo principale del professore era quello di sovvertire completamente le gerarchie della società con l’intento di riconquistare più in fretta possibile il vertice sia in Italia che in Europa. Sui di lui, però, vi erano non pochi dubbi trattandosi di una persona che ha sostanzialmente zero conoscenze inerenti al calcio italiano. Anche lui quasi certamente si sarà reso conto che un eventuale passaggio al Milan avrebbe potuto mettere a repentaglio la sua reputazione. La rinascita del club milanese, oltre all’arrivo di Pioli, è da attribuirsi al grande ritorno del gigante svedese Zlatan Ibrahimovic, il quale è stato in grado di dare nuova una nuova linfa ai suoi compagni e di trasmettere una mentalità vincente a tutto l’ambiente. Dopo il suo ingaggio alcuni giocatori pare che siano completamente rinati. Pioli, con l’aiuto non indifferente di Ibra, sembra che abbia fatto riscoprire al Milan il piacere di giocare a calcio. In attesa di vedere come si comporterà la squadra in queste ultime giornate, non si può far altro che fare i complimenti al lavoro encomiabile svolto da Stefano Pioli. Rinnovo più che meritato. BRAVO STEFANO!

 

Sostieni anche tu il Blog!

Aiutaci a mantenere alta la qualità dei nostri contenuti. Un piccolo gesto per raggiungere, insieme, grandi traguardi!

€2,00