Covid-19: il nuovo bollettino italiano. Nuovi casi in lieve aumento, in Grecia si parla di seconda ondata. Quale sarà il nostro futuro?

In Italia continua a salire il numero di attualmente positivi, dei pazienti ricoverati nelle terapie intensive e delle persone ricoverate con sintomi negli altri reparti degli ospedali. Dai dati del ministero della Salute emerge infatti che sono 13.561 i malati, 193 in più rispetto a lunedì, 49 le persone in terapia intensiva (3 in più) e 801 quelle ricoverate con sintomi (22 in più). I pazienti in isolamento domiciliare sono invece 12.711, rispetto a lunedì 168 in più. Complessivamente, le persone dimesse o guarite dal virus sono 202.461, 213 in più rispetto a lunedì. Sono 40.642 (+ 14.210 rispetto a lunedì) i tamponi effettuati in Italia. Complessivamente, fino ad oggi ne sono stati fatti 7.316.918.

Da mercoledì in Emilia-Romagna ci sarà l’obbligo di fare il tampone per chi rientra dalle vacanze da Spagna, Grecia e Malta. Ci si dovrà segnalare immediatamente ai dipartimenti di Sanità pubblica delle rispettive Ausl di residenza. Lo prevede un’ordinanza che verrà firmata dal presidente della Giunta regionale, Stefano Bonaccini. Questo è un grande passo avanti per una delle regioni maggiormente dal Covid. C’è chi sceglie di combattere e chi scarica la colpa ai cognati (giusto Fontana?).

La Grecia (meta turistica molto amata dagli italiani) è entrata formalmente nella temuta seconda ondata di pandemia da coronavirus. Lo ha confermato al Guardian uno dei massimi esperti delle malattie infettive del Paese. Dopo aver registrato il numero più alto di diagnosi positive, il Paese ha raggiunto una fase critica nella sua capacità di contenere l’ulteriore diffusione del virus. “Possiamo dire che la Grecia è entrata formalmente in una seconda ondata di epidemia. Questo è il punto in cui potremmo vincere o perdere la battaglia”, ha detto Gkikas Magiorkinis, assistente professore di epidemiologia all’università di Atene.

In Italia aspettiamo l’evolversi della curva dei contagi, sapremo contrastarla?

 

Di Matteo Spaggiari

Sono un giornalista e blogger. Il mio impegno è quello di dare a tutti un informazione "fresca" e senza censure.