Israele  è pronta al secondo lockdown dopo l’impennata di casi delle ultime settimane. Il Covid torna a far paura, poco prima del periodo dell’influenza stagionale.

Il comitato ministeriale di Israele per il coronavirus ha proposto nella notte un nuovo lockdown dopo quello del 25 marzo a fronte del picco dei contagi delle ultime settimane. Nella fase iniziale il previsto lockdown durerà due settimane e riguarderà la festa di Rosh ha-Shanà (il Capodanno ebraico) e il digiuno di Kippur. La decisione sarà convalidata dal governo domenica: se approvata, sarebbe il primo Paese al mondo a riproporre il lockdown. Questo passaggio sarà fondamentale per tutta l’Europa, perché  adesso  il Covid torna a fare seriamente paura. Sopratutto, all’alba del periodo dell’influenza stagionale.

L’inizio del lockdown sarà stabilito dal governo, ma secondo i media israeliani è prevedibile che avverrà dopo mercoledì, cioè al ritorno del premier Benyamin Netanyahu da Washington, dove il 15 settembre saranno firmati gli accordi di pace fra Israele ed Emirati arabi uniti. Una volta che il lockdown sarà entrato in vigore, gli israeliani non potranno allontanarsi dalle proprie abitazioni per oltre 500 metri. Il sistema educativo sarà chiuso e cosi’ lo saranno anche tutti gli esercizi privati non indispensabili. Preghiere potranno essere tenute solo all’aperto o in spazi ritenuti idonei dalle autorità sanitarie. Giovedì, prima che il Comitato ministeriale decidesse il lockdown, diversi ospedali avevano fatto presente al governo di aver raggiunto un livello di guardia nei dipartimenti per il coronavirus, specialmente nelle zone più colpite dalla pandemia.

Quale sarà il futuro per l’Italia?

Attualmente, la situazione dei contagi non spaventa l’Italia, ma non è da escludere una futura impennata nei numeri giornalieri. Un secondo lockdown sarebbe una catastrofe sia dal punto di vista sociale che economico, avvicinandoci sensibilmente a una parola molto poco utilizzata: DEFAULT. Israele  è pronta al secondo lockdown, lo saremo anche noi?

Di Matteo Spaggiari

Sono un giornalista e blogger. Il mio impegno è quello di dare a tutti un informazione "fresca" e senza censure.