Dopo circa sei mesi , oggi si ritorna in classe. Le lezioni , a causa del Covid-19, non sono più state in presenza dal lontano 5 marzo. Due settimane prima in alcune regioni del Nord. Finalmente torna a squillare la campanella nelle scuole italiane: sono oltre 5,6 milioni gli alunni che riprenderanno oggi. Complessivamente sono 8,3 milioni le studentesse e gli studenti che rientrano quest’anno tra i banchi: 7.507.484 negli istituti statali, ai quali si aggiungono i circa 860 mila delle paritarie. Sarà un giorno difficile perché la quotidianità acquisita in questi mesi dovrà riallinearsi con la realtà. Sicuramente non sarà facile, però gli studenti italiani hanno dimostrato grande spirito di adattamento.

Inoltre, i cambiamenti che le scuole dovranno affrontare sono tanti e alcuni abbastanza complicati. La misurazione della febbre, il distanziamento dei banchi e la fornitura delle mascherine sono solo la punta dell’iceberg. Quest’anno scolastico sarà inedito e sembrerà di vivere all’interno di una bolla fantascientifica. Però, cari studenti, non temete: dopo la più brutta delle tempeste c’è sempre l’arcobaleno più grande. Oggi si ritorna in classe per costruire un futuro migliore per tutti voi.

Di Matteo Spaggiari

Sono un giornalista e blogger. Il mio impegno è quello di dare a tutti un informazione "fresca" e senza censure.