Ven. Giu 18th, 2021

Le regionali si sono concluse con un sonoro pareggio tra le forze di governo e quelle d’opposizione.

Verso il tardo pomeriggio di ieri, ogni previsione è stata sostituita dall’ufficialità . Di conseguenza tutte le forze politiche si ritrovano a tirare le somme dopo i tanti sforzi spesi durante la campagna elettorale. Il periodo difficile che stiamo vivendo ha sicuramente dato una grossa mano ad alcuni candidati. In primis Vincenzo De Luca, il quale è riuscito a rafforzare la sua posizione, che a febbraio era considerata perdente. Schiacciante anche la vittoria di Zaia, che si dimostra ancora una volta come uno dei leghisti più amati. Con questo risultato Salvini non può più considerarsi solo, giacché il sostegno del nuovo Presidente del Veneto potrebbe essere l’arma in più della Lega.

Potrebbe interessarti anche  CARO VALENTINO, DOVE SEI FINITO?

Andiamo a governare in Puglia, Puglia, Puglia

In Puglia tra Emiliano e Fitto sembrava che la distanza fosse minima, ma col passare delle ore, il candidato del centrosinistra in Puglia ha messo la freccia e ha vinto di 9 punti. Questa tornata elettorale termina con un pareggio (3-3) che sa di beffa per Zingaretti. La coalizione avversaria totalizza così ben 15 regioni su 20 e, oltre a confermarsi in Veneto e Liguria, riesce nell’intento di scippare agli avversari le Marche.

Potrebbe interessarti anche  LE SUZUKI ALLA CONQUISTA DEL MONDO

Gli italiani sono diventati Zorro

Sul fronte dei parlamentari, il popolo ha approvato il taglio degli stessi: sarà  pertanto addio ai tanti interventi a cui eravamo abituati. Ha vinto la voglia di cambiamento che si spera sia composta da altri importanti passi. Senza ombra di dubbio, la vera battaglia avrà  inizio da domani, quando il Governo sarà  costretto a progettare una serie di riforme affinché le promesse che hanno indotto tanti elettori al sì vengano rispettate. Il M5S si dice soddisfatto di aver concretizzato una delle sue bandiere, ribadendo la solidità  del governo giallo-rosso.

Potrebbe interessarti anche  IL PESSIMISMO DI GALLI

Come il mio precedente articolo ha sottolineato, il binomio tra referendum ed elezioni regionali si è rivelato vincente: il 57,21% degli aventi diritto si è presentato alle urne ad esprimere la propria opinione.

Il giudizio sui frutti raccolti spetta ai leader di ogni partito, i quali si chiederanno: la fatica profusa in questi mesi, aggravata dalle difficoltà  relative al virus, sarà  stata sufficiente?