Alla fine della scorsa settimana la Honda ha inaspettatamente deciso che il 2021 sarà il suo ultimo anno in Formula 1. La casa del Sol Levante aveva fatto ritorno nel circus nel 2015, motorizzando la McLaren. Dopo alcune stagioni piuttosto deludenti, da due anni a questa parte i giapponesi sono riusciti nell’intento di tornare ai vertici dello sport grazie alla famiglia Red Bull, vincendo quattro gare con Verstappen e una con Gasly.

Il comunicato di Honda

“Honda intende concentrare le proprie risorse aziendali sulla ricerca e nello sviluppo delle future tecnologie per i propulsori. Per tale motivo, abbiamo creato un nuovo centro chiamato ‘Innovative Research Excellence, Power Unit & Energy. Ci concentreremo sulla futura realizzazione della neutralità carbonica, di conseguenza abbiamo deciso di lasciare il mondo della F1”, ha comunicato l’azienda giapponese.

Quale sarà il futuro per la Red Bull?

Il team Red Bull, a questo punto, si trova costretto ad andare alla ricerca di un’azienda che possa fornirgli un motore competitivo a partire dal 2022. Stando a quanto riportato dalle prime indiscrezioni, la scuderia di Milton Keynes starebbe pensando di puntare sui motori Porsche. Negli ultimi anni, infatti, i tedeschi hanno portato avanti lo sviluppo di un motore V6 Turbo che rispetta le regole stabilite dalla Formula 1. In questo periodo, inoltre, gli uomini e le donne di Stoccarda stanno lavorando sodo per sviluppare una power unit efficiente in modo da entrare nella classe regina. La cosa certa, comunque, è che la Porsche sta facendo tutto il possibile per diventare una protagonista assoluta in F1.

Mercedes, Ferrari o Renault? Accordi complessi ma indispensabili

La Red Bull, tuttavia, ha di fatto l’obbligo di valutare le possibili alternative. Nelle ultime ore alcuni addetti ai lavori hanno ipotizzato che il team di Mateschitz potrebbe rivolgersi alla Mercedes o alla Ferrari, ma raggiungere l’accordo con queste due case sarebbe decisamente complicato. Secondo alcune fonti, quindi, alla fine sarà la Renault che tornerà a motorizzare la scuderia austriaca. Tale ipotesi al momento pare molto probabile, soprattutto in virtù del fatto che i francesi a partire dalla prossima stagione non dovranno più fornire altri team, in quanto la McLaren userà i motori Mercedes. Il binomio tra Red Bull e Renault nei scorsi anni ha funzionato più che bene, infatti gli austriaci si sono laureati quattro volte campioni del mondo grazie alla spinta del propulsore francese.

Max Verstappen, futuro lontano dalla Red Bull?

Per quanto riguarda i piloti, invece, non è escluso che Max Verstappen dica addio alla scuderia austriaca alla fine del 2021. Qualcuno pensa che l’olandese volante possa clamorosamente passare alla Mercedes, nella stagione in cui verrà introdotto un regolamento tecnico completamente nuovo. Il figlio di Jos, che gareggia in Formula 1 dal 2014, inizia ad avere fretta di lottare per il titolo mondiale.La Red Bull sarà in grado di metterlo in queste condizioni? Lo scopriremo solo vivendo.