Gio. Apr 15th, 2021

La Formula 1 è finalmente tornata. Durante il primo week-end sotto le luci del Bahrain siamo sicuri che tutti si siano divertiti e non poco. Sul gradino più alto del podio alla fine ci è salito il solito Lewis Hamilton, ma la battaglia con Max Verstappen quest’anno promette spettacolo. Abbiamo visto battaglie molto emozionanti anche tra gli altri team come Ferrari e McLaren.

Sfida eccitante tra Mercedes e Red Bul in Bahrain

Nel corso del fine settimana la Red Bull ha dimostrato di essere a tutti gli effetti allo stesso livello dell’armata tedesca Mercedes. Ad onor del vero, la scuderia di Milton Keynes in questo momento sembra addirittura avere qualcosina in più rispetto alle frecce nere. Verstappen aveva costruito qualcosa di eccezionale, dominando tutte le sessioni dal venerdì alla domenica. Poi a causa delle strategie l’olandese volante si è visto costretto a inseguire Hamilton ed era riuscito anche a superarlo. Dal muretto, però, gli è stato comunicato di restituire la posizione per aver superato i track limits al momento del sorpasso. Scelta molto discutibile quella della Red Bull. Lewis è così riuscito ad aggiudicarsi la vittoria numero novantasei della sua carriera. Statistica niente male, vero? Per quanto riguarda Bottas, il finlandese ha fatto il suo e ha finito la gara al terzo posto. Perez, invece, è riuscito a terminare quinto dopo una bella rimonta con l’altra Red Bull.

Potrebbe interessarti anche: Hamilton raggiunge Schumacher

Fonte: Sky Sport

Potrebbe interessarti anche: Red Bull cercasi motore  

In Bahrain si accende la lotta tra McLaren e Ferrari

Il duello tra gli altri team non è stato meno spettacolare. Molto buona la gara della McLaren che ha chiuso al quarto e settimo posto rispettivamente con Norris e Ricciardo. La Ferrari è stata protagonista di un buon fine settimana, considerando che la scuderia italiana deve pensare principalmente a migliorare le terribili prestazioni dell’anno scorso. Leclerc è arrivato sesto e il neo arrivato Sainz ottavo. Della rossa comunque parleremo più nello specifico nella rubrica ferarrista. Da sottolineare la grande prestazione di Tsunoda, arrivato nono al debutto in Formula 1 su Alpha Tauri. Bene pure Stroll, il quale è stato sempre davanti a un tramortito Sebastian Vettel. É giusto parlare spendere qualche parole anche su Fernando Alonso, che ha dimostrato di avere ancora un talento cristallino. Lo spagnolo è stato costretto al ritiro, ma fino a quel momento aveva fatto molto bene con una Alpine un po’ sottotono. 

Potrebbe interessarti anche: La rinascita di Bottas

Fonte: P300.it

Williams e Haas sono chicane mobili

In questo week-end abbiamo anche capito che Williams e Haas con tutta probabilità  si limiteranno al ruolo di semplici comparse. Si tratta di due squadre che quasi certamente faranno pochi progressi e che inizieranno a concentrarsi subito sull’anno prossimo. Ci dispiace molto per Mick Schumacher e George Russel, soprattutto il secondo che meriterebbe una monoposto decisamente più competitiva. 

Potrebbe interessari Racconto di un week-end italiano

Fonte: EssentiallySports

Potrebbe interessarti anche: Un week-end al Max-imo

Uno sguardo alla Formula 2

In Formula 2 abbiamo atresì assistito a un fine settimana molto avvincente e intenso. Innanzitutto occorre precisare che nella categoria è cambiato il format delle gare, visto che da quest’anno le gare saranno non due ma tre. I tre vincitori del Bahrain sono stati: Liam Lawson, Oscar Piastri e Guanyu Zhou. Quella che ha fatto meglio in generale è proprio il pilota cinese, serio candidato alla vittoria del titolo. 

Vi invitiamo a rivedere la diretta sulla pagina nostra Instagram per le analisi del post-gara. Cara F1, ci vediamo a Imola!