Ven. Apr 16th, 2021

La prima delle due gare in Qatar ha visto il dottore in grande difficoltà  in sella alla sua nuova Yamaha Petronas. Sia per Vale che per Morbidelli è un week-end da dimenticare in fretta e furia. La prestazione di Rossi è stata troppo brutta per essere vera. Molti sognano di rivederlo competere per per le posizioni che contano.

Il dottore è ancora speciale?

La decisione che Valentino ha preso di andare alla Petronas non è stata vista di buon occhio da tutti. Qualche addetto ai lavori, infatti, potrebbe chiedersi come mai continui a correre nella classe regina. Malgrado la sua età  ormai “avanzata”, il nove volte campione del mondo vuole dimostrare che sa ancora cosa significa il verbo vincere. Il debutto con la Petronas, tuttavia, non è stato affatto semplice. Rossi ha tagliato il traguardo in dodicesima posizione, raccogliendo solo qualche punto. 

Potrebbe interessarti anche: Le pagelle del Qatar

L’anno della verità  per Rossi

Nel corso di questa stagione con ogni probabilità  capiremo se il pilota di Tavullia potrà  continuare a correre anche nella prossima stagione. Valentino ha ribadito più di una volta che il suo obiettivo è quello di estendere il suo contratto almeno di un altro anno. Indubbiamente se i risultati dovessero essere così insignificanti, dovremo arrenderci all’idea di vedere la MotoGP senza il suo re. 

Potrebbe interessarti anche: Qatar 2021: la supremazia di Vinales

Maledette gomme

Pare che il problema principale del team Petronas abbia riguardato le gomme. Ricordiamo che Rossi scattava dalla quarta posizione, anche per questo non era assolutamente un’eresia pensare che avrebbe potuto lottare per il podio. La gomma posteriore, a detta sua, gli ha fatto perdere posizioni su posizioni. Da una come la Petronas di sicuro ci aspettiamo molto di più, considerando che Morbidelli l’anno scorso è stato in piena lotta per il mondiale. Insomma, questo non può essere il vero Vale.