Gio. Apr 15th, 2021

Tanti militanti di CasaPound si sono uniti alla protesta dei ristoratori in piazza Montecitorio a Roma. “Siamo qui per dare sostegno agli italiani che non si arrendono e che hanno il coraggio di opporsi alla gestione criminale dell’emergenza Covid del governo. Noi siamo al loro fianco e crediamo che sia assolutamente necessario e inevitabile ribellarsi ai Dpcm che calpestano il diritto al lavoro”. Queste sono state le parole dei leader illuminati di CasaPound.

Ristoratori in lacrime: “Lavoriamo per un euro”

“Ormai lavoro per un euro all’ora. Gli investimenti di una vita erano nel mio bar”. Lorena, 62 anni, piange in ginocchio davanti al cordone della polizia alla manifestazione dei commercianti a Montecitorio e ad un certo punto uno degli agenti si accovaccia vicino a lei per consolarla ed aiutarla a rialzarsi. “Sono qui per me e per i miei figli. Noi siamo come voi. Non siamo negazionisti vogliamo solo lavorare e poter riaprire”. Lorena, che ha investito tutti i suoi soldi nel suo bar a Bologna aperto 15 anni fa, spiega che la sua è disperazione: “ero qui per una protesta che non perdesse il rispetto delle istituzioni, io ci credo ancora ma dovete ascoltarci”, dice dimostrando forza nonostante le lacrime dietro gli occhiali.