Mar. Mag 11th, 2021

Anche se da tre settimane si registra una riduzione della diffusione del contagio, secondo Franco Locatelli, coordinatore del Cts: “Serve prudenza finché non saranno stati messi in sicurezza anziani e fragili. Guai se pensassimo che siamo fuori dal problema, ci ritroveremmo alla situazione di metà  marzo“. E aggiunge che le aperture vanno fatte per rispondere alla crisi economica e sociale, ma devono essere ben ponderate.

Potrebbe interessarti anche  VACCINARE E SALVARE LE VACANZE ESTIVE

Locatelli: serve prudenza, ponderare le aperture

Secondo Locatelli serve ancora prudenza: “Guai se pensassimo che siamo fuori dal problema, ci ritroveremmo alla situazione di metà  marzo“, spiega in un’intervista al Corriere della Sera. Il monito del dottore è verso le facili propagande sulle riaperture. Correre troppo velocemente sarebbe un disastro sanitario.

Potrebbe interessarti anche  DISASTRO SANITARIO IN INDIA

Scuola, da domani in classe 8 studenti 10

Prosegue il rientro degli studenti in presenza. Da domani saranno quasi 6,6 milioni sugli 8,5 milioni totali delle scuole statali e paritarie. L’unica regione in controtendenza è la Sardegna, dove si registra un aumento della Dad. Saranno tutti a scuola i bambini della scuola dell’infanzia e primaria. Il ritorno in classe sarà  un primo passo verso la normalità  per i ragazzi.

Potrebbe interessarti anche  BOLZANO E VENETO AVANTI NEL VACCINO