Mar. Mag 11th, 2021

Nel Pnrr arriva la riforma delle lauree

Tra le altre misure nuove previste nel Pnrr arriva la riforma delle lauree che prevede la semplificazione delle procedure per l’abilitazione all’esercizio delle professioni, rendendo l’esame di laurea coincidente con l’esame di Stato, questo per semplificare l’accesso al mondo del lavoro da parte dei laureati. Vengono stanziate risorse per portare la connettività a 1 Gbps direttamente all’edificio per oltre 8 milioni di famiglie, imprese ed enti e completare la copertura di 9mila edifici scolastici e oltre 12mila ospedali. Quanto a Roma, la città beneficerà di una linea d’intervento dedicata al rilancio della sua attrattività in occasione dei prossimi grandi eventi turistici che la vedranno protagonista come la Ryder Cup del 2022 e il Giubileo del 2025. I fondi dovrebbero essere pari a circa 500 milioni. La realizzazione della funivia Casalotti-Boccea, vanto della Raggi, non viene citata espressamente come nella prima bozza. Ma il progetto di costruire 15 chilometri di teleferiche resta nel programma, anche se ora è dedicato a tutte le aree metropolitane delle maggiori città italiane.

Potrebbe interessarti anche  SPERANZA PARLA DELLE RIAPERTURE

Via il superbonus 110%

Musi lunghi nel M5s e critiche da Forza Italia sono arrivate anche per il superbonus 110%. La misura è citata nella bozza del Pnrr dove viene spiegato che si intende estenderla dal 2021 al 2023, ma «abbiamo bisogno di avere la garanzia, da parte del Governo, che la proroga sia almeno a fine 2023 per tutte le tipologie di edifici e che ci siano 10 miliardi in più rispetto ai 18 già precedentemente stanziati e ora semplicemente suddivisi tra Pnrr e fondo complementare» hanno messo nero su bianco i deputati pentastellati Riccardo Fraccaro, Luca Sut e Patrizia Terzoni.

Potrebbe interessarti anche  LE OLIMPIADI NON SARANNO ANNULLATE

Fonte: Il Tempo