Mar. Mag 11th, 2021

Locatelli: “A metà maggio verifica sul coprifuoco”

La verifica sul coprifuoco sarà fatta a metà maggio. “E’ il tempo minimo per vedere che impatto hanno sulla curva epidemiologica una serie di scelte che hanno avuto il merito di tutelare la salute pubblica e venire
incontro al disagio sociale e alla sofferenza economica. Il coprifuoco è dunque una scelta condivisibile. Se avremo dati positivi nessuno ha il gusto sadico di restringere i movimenti. La scelta che è stata fatta è quella di mantenere il controllo su quelle che sono occasioni di socialità che possono determinare rischi
“, ha detto Locatelli.

Potrebbe interessarti anche  BRASILE: LULA SFIDA BOLSONARO

Speranza: “Coprifuoco alle 22 riduce la mobilità, scelta di prudenza”

Da lunedì una parte larga del Paese andrà in zona gialla. Però vogliamo fare un passo per volta per non tornare indietro: l’orario delle 22 ci consente di ridurre la mobilità ed è una scelta che il governo ha deciso di fare dentro una cornice di prudenza. Domani facciamo un primo passo e diamo un segnale di ripartenza e poi monitoriamo settimana per settimana“. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza. “Se ci saranno le condizioni sarò il più felice di tutti a fare altri passi avanti, sul coprifuoco e altre misure“, ha aggiunto. 

Potrebbe interessarti anche  I RISTORATORI SCENDONO IN PIAZZA

Sibilia: “Coprifuoco è alle 22, evitare interpretazioni”

Sono tra quelli che auspicavano il coprifuoco alle 23 ma la cabina di regia, dove siedono i rappresentanti di tutti i partiti, ha deciso per le 22. La legge e la circolare del Viminale è chiara e prevede il ritorno a casa alle 22 anche per chi cena all’aperto“. Lo ha detto il sottosegretario all’Interno, Carlo Sibilia, aggiungendo che “vanno evitate interpretazioni personali che possono generare confusione tra i cittadini e mettere in difficoltà le forze dell’ordine“.

Potrebbe interessarti anche  TRIDICO: DIVIDERE LA PENSIONE IN DUE QUOTE

Fonte: TgCom24