Lun. Mag 10th, 2021

Le nuove linee guida del ministero della Salute sulle cure domiciliari anti-Covid confermano il NO ai supplementi vitaminici e all’idrossiclorochina, gli antibiotici vanno utilizzati solo in casi particolari. Fondamentale rimane il monitoraggio della saturazione dell’ossigeno: sotto il 92% va valutato il ricovero. Nelle fasi precoci di malattia, i medici possono indicare l’uso di monoclonali e il paziente va mandato ai centri abilitati alla prescrizione.

Potrebbe interessarti anche  ASTRAZENECA É SICURO! I GIORNALI NO!

Gli anticorpi monoclonali

Il trattamento con anticorpi monoclonali deve essere iniziato il più precocemente possibile rispetto all’insorgenza dei sintomi, e comunque non oltre i dieci giorni dall’inizio degli stessi. Vengono inoltre date indicazioni più accurate sull’utilizzo dei cortisonici e specificati gli usi inappropriati dell’eparina ed i farmaci da non utilizzare. L’eventuale utilizzo di antibiotici è invece da riservare esclusivamente ai casi nei quali l’infezione batterica sia stata dimostrata da un esame microbiologico.

Potrebbe interessarti anche  ASTRAZENECA É SICURO! I GIORNALI NO!

Cosa vuol dire “vigile attesa”?

La nuova circolare chiarisce inoltre il concetto di “vigile attesa” nei soggetti a domicilio asintomatici o paucisintomatici, indicando che si tratta di una sorveglianza clinica attiva, con costante monitoraggio dei parametri vitali e delle condizioni cliniche del paziente. In particolare, nei soggetti a domicilio asintomatici o paucisintomatici si prevedono trattamenti sintomatici. Altri farmaci sintomatici potranno essere utilizzati su giudizio clinico.

Potrebbe interessarti anche  ASTRAZENECA É SICURO! I GIORNALI NO!

Fonte: TgCom24