Mar. Mag 11th, 2021

La partecipazione degli studenti al “Piano estate” per la scuola, che prevede istituti aperti a luglio e agosto per recuperare la socialità persa in questi mesi di pandemia, sarà volontaria sia per gli studenti che per i docenti. Le attività potranno svolgersi in spazi aperti delle scuole e del territorio, teatri, cinema, musei, biblioteche, parchi e centri sportivi, con il coinvolgimento del terzo settore, di educatori ed esperti esterni.

Il Piano Estate si dividerà in tre fasi

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, lo definisce un “ponte per costruire un nuovo inizio” e che prevede un investimento da 510 milioni di euro. Il piano è stato pensato in tre fasi: potenziamento degli apprendimenti a giugno, recupero della socialità a luglio e agosto, accoglienza a settembre fino all’avvio delle lezioni. Si farà largo uso di laboratori, ma anche di attività educative incentrate su musica, arte, sport, digitale, percorsi sulla legalità e sulla sostenibilità, sulla tutela ambientale.

Potrebbe interessarti anche  NOI UOMINI NON SIAMO SUPERIORI: BASTA FEMMINICIDI!

La scuola non si è mai fermata

La scuola non si è mai fermata durante tutta la pandemia. E’ rimasta sempre in contatto con le nostre ragazze e i nostri ragazzi“, dice Bianchi. “L’emergenza sanitaria ha inevitabilmente accentuato problematiche preesistenti, ha evidenziato le diseguaglianze e accresciuto le fragilità“, afferma assicurando che riporterà la scuola al centro della comunità“, lavorando insieme ai territori, alle associazioni, promuovendo i Patti educativi. Un percorso di “trasformazione ed evoluzione” dell’intero sistema di Istruzione, per dare vita a una scuola “affettuosa, che sappia stare al fianco dei nostri bambini e ragazzi, che, partendo dai più fragili, sia punto di riferimento per tutta la comunità e le famiglie“.

Potrebbe interessarti anche  11 SETTEMBRE 2001 - IL GRANDE DOLORE

Le attività saranno complementari e integrate con quelle organizzate dagli enti locali. Le risorse saranno dedicate soprattutto alle aree più fragili del Paese, in particolare del Sud.

Destinati alla scuola 150 milioni

Tre sono le linee di finanziamento. 150 milioni di euro saranno assegnati direttamente alle singole istituzioni scolastiche per attività aggiuntive svolte dal personale interno, non escluso quello del cosiddetto “organico Covid“, per cui sarebbero sottoscritti nuovi contratti, ed esterno e per l’affidamento di contratti di beni e servizi; 320 milioni previsti dal Pon destinati al contrasto della povertà educativa: le scuole potranno decidere se partecipare, contando anche sul supporto tecnico messo a disposizione dall’Indire. Il 70% delle risorse sarà destinato alle regioni meridionali, il 10% a quelle del centro, il 20% a quelle settentrionali. Infine 40 milioni di euro saranno attribuiti direttamente alle scuole che aderiranno a un avviso emanato dal ministero.

Potrebbe interessarti anche  SEMPLICEMENTE BELLA CIAO

L’iniziativa incassa il placet dei presidi, che chiedono però di aggiornare i protocolli di sicurezza perché “pure nel corso delle attività estive si applichino misure efficaci a tutela della salute individuale e collettiva”.

Fonte: TgCom24