Mar. Mag 11th, 2021


Un anno fa, la trasferta di Udine fu indigesta per Maurizio Sarri e la sua Juve che si apprestava a vincere lo scudetto. Il match point tricolore di fine luglio poteva arrivare alla Dacia Arena e invece fu un ko all’ultimo secondo.

Con la Champions

Oggi una sconfitta o un altro pareggio dopo quello di Firenze avrebbero un sapore ancora più amaro. E conseguenze più pesanti. Sul presente e sul futuro di Andrea Pirlo e della squadra nella corsa Champions. Al momento Andrea Agnelli resta il presidente e conferma l’alleantore. E dal club filtra anche la decisione di confermarlo se centrerà almeno l’obiettivo quarto posto.

Potrebbe interessarti anche  BARCELLONA É IL MOMENTO DI CAMBIARE

Senza la Champions

In caso contrario ovviamente lo scenario cambierebbe e si intreccerebbe anche con i piani futuri della dirigenza: saranno questi dirigenti a scegliere l’eventuale conferma di Pirlo o no? Anche per questo motivo, la situazione è apertissima, con il primo nome alternativo che è quello di un grande ritorno, e cioè Massimiliano Allegri. Una questione ovviamente in sospeso come la qualificazione in Champions League. Una corsa quella dei bianconeri che ha rallentato dopo l’eliminazione con il Porto. Non giocare le Coppe, in una stagione così lunga e intasata causa covid, non ha aiutato la squadra di Pirlo. Ora serve l’ultimo scatto. Le ultime 5 partite (e la finale di Coppa Italia) per il presente e per il futuro. Di Pirlo, della società, della squadra.

Potrebbe interessarti anche  SUPERLEGA: FLORENTINO FA ESPLODERE IL CALCIO

Fonte: Sky Sport