Mer. Set 22nd, 2021

Sono giorni agitati questi per Claudio Lotito, diviso tra la definizione del futuro della panchina della Lazio e la scivolosa questione della proprietà della Salernitana, neopromossa in Serie A. La FIGC ha ricordato attraverso il presidente Gravina la necessità di risolvere la vicenda e provvedere alla vendita del club entro il prossimo 25 giugno per non incorrere in sanzioni, compresa la possibile esclusione di entrambe le società dal campionato. Un’attesa che si fa sempre più spasmodica e tempi sempre più ristretti mentre Lotito ha tra le mani una serie di proposte per cedere.

Potrebbe interessarti anche  INTER: LA SITUAZIONE DI LAUTARO MARTINEZ

E che la tensione sia tangibile lo si evince dalla mossa operata dalla Lega di Serie A che, in vista dell’Assemblea di lunedì prossimo (nella quale si discuterà anche dell’ipotesi “spezzatino” per il prossimo campionato e dei diritti tv per la Coppa Italia), ha deciso di non invitare i rappresentanti della Salernitana, a differenza di quelli di Empoli e Venezia, le altre due neopromosse. Una scelta certamente sospetta e che ha suscitato la rabbia di Lotito e del comproprietario Mezzaroma, arrivando a ipotizzare l’invio di una lettera di diffida. Eventualità poi scongiurata ma che dimostra come i vertici del calcio italiano si aspettino dal patron della Lazio una mossa celere per chiudere la questione. E a proposito di Lotito, a dispetto dell’inibizione subita dopo il processo per il caso tamponi, il numero uno biancoceleste sarà regolarmente presente in Assemblea, in quanto verranno discussi temi di interesse anche della Lazio.

Potrebbe interessarti anche  MOURINHO SBARCA NELLA CAPITALE

Fonte: calciomercato.com